RockDRIVE

Oggi, grazie alla diffusione di gadget multimediali in grado di realizzare filmati ed immagini di ottima qualità, diventa estremamente importante disporre di unità di archiviazione in grado di crescere con il crescere delle esigenze. L’idea è quella di disporre di una base alimentata e collegata al computer sulla quale aggiungere in tempi diversi ulteriori unità di archiviazione senza dover mettere insieme oggetti dal disegno completamente diverso fra loro. In questa soluzione la base, concepita per ospitare unità da 2,5″, può ospitare fino a 5 dischi aggiuntivi. Nel mio esempio i dischi rigidi sono del tipo SSD, estremamente veloci ed affidabili. Il loro attacco standard S-ATA nascosto nella base ne permette l’inserimento e la sostituzione senza la necessità di disporre di alcuno strumento aggiuntivo (caccia-viti e simili). L’insieme rappresenta un blocco di roccia grezza a base quadrata (l’alimentatore) che si collega al computer mediante una connessione USB nella quale si inseriscono i parallelepipedi cromati che contengono il disco rigido vero e proprio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...